Privacy Policy

La mira assistita in Fortnite subirà delle modifiche con la prossima patch.

Eric Williamson, leader designer del Battle Royale, promette che Epic Games modificherà con una patch la mira assistita.

Negli ultimi tempi su Fortnite era scoppiata una grossa polemica sulla mira assistita, una feature del gioco pensata per aiutare i giocatori del Battle Royale su smartphone o su console, dunque non dotati di un sistema di controllo preciso come la combinazione mouse+tastiera.

Per rendere dunque ugualmente competitivi tutti i giocatori, visto che tra l’altro il popolarissimo videogame offre anche il supporto al cross-play, per cui soprattutto nei tornei competitivi la parità di condizioni tra gli utenti è fondamentale, Epic Games aveva pensato alla funzionalità di mira assistita.

Alcuni pro player però si erano lamentati per via del fatto che tale modalità fosse abusata dai giocatori, perché troppo efficace. Stando infatti alla gran parte della community, era nata una vera e propria pratica chiamata “ADS SPamming” che consisteva nel premere ripetutamente il dorsale del controller dedicato alla mira, in modo da attivarla costantemente e tenere sotto mira il bersaglio quasi in automatico.

In questo modo, come dimostrato in alcuni video, era fin troppo facile colpire i propri avversari, anche quando essi erano coperti strategicamente da una nuvola di fumo.

Per fortuna sembra che Epic Games sia al corrente del problema e sia già al lavoro su una soluzione. Eric Williamson, lead designer del Battle Royale, ha infatti risposto al video che vi mostriamo in calce alla news e che dimostrava la scorrettezza della pratica, dicendo che è in cantiere una modifica, che sarà apportata nell’aggiornamento 7.40, che dovrebbe rendere la pratica meno fastidiosa.

Non sappiamo ancora quando la nuova patch sarà online, ma i giocatori possono dunque stare tranquilli.